2019

Bellezza mia!

L’emigrazione, la mancanza di lavoro, l’invecchiamento della popolazione e l’abbassamento del tasso di natalità, lo scoramento delle persone che vedono la vita svolgersi in altri luoghi, ritenendosi geograficamente e moralmente marginali, sono tutti fattori che insieme contribuiscono allo spopolamento e a quello stato di agonia che oggi registriamo nei piccoli centri dell’area sud della Basilicata.

Questo stato di cose ci ha fatto pensare alla necessità di una strategia di rinnovamento e sviluppo. Oltre alle risorse naturali, che rappresentano la prima ricchezza delle aree come la nostra, e prima ancora di mettere a punto programmi di sviluppo turistico, è urgente pensare a come ri-attivare la comunità, ri-animarla per vincere l’inerzia che si sta diffondendo, per ri-accendere lo sguardo sulle tante opportunità, che pure esistono nelle nostre realtà e, coscienti di questo, osare inventare e sperimentare forme inedite di convivenza.

Come dimostrano gli studi e le proposte a livello nazionale sulle aree interne, questi piccoli centri (che rappresentano gran parte del territorio italiano) hanno una chance che si chiama innovazione, ovvero cultura, ecologia, welfare. Una chance da poter giocare per sé, per il benessere di chi ci vive, ma da offrire anche a chi desidera “fuggire” dalla città, ormai diventata invivibile.

Il primo passo consiste nel mettere in atto tutte quelle condizioni che possono favorire il contatto dei cittadini con la cultura, la natura, ravvivare le relazioni all’interno della comunità, la condivisione della bellezza, il confronto su temi importanti.

Bellezza mia! vuole essere questo.

L’avvio della rigenerazione, della rinascita della nostra area mediante lo strumento nobile che è la cultura.

Un centro culturale diffuso sul territorio, all’interno del quale creare opportunità di apprendimento, di dialogo e scambio, riaccendere e socializzare l’intelligenza collettiva, uno spazio in grado di generare bellezza, diffondere cultura e divulgare conoscenza dove la contemporaneità si abbevera dal passato e dalla tradizione che, a loro volta, vengono riletti con gli occhi della modernità.

Un laboratorio di comunità permanente all’interno del quale imparare a partecipare alla vita comunitaria, a leggere il rapporto tra passato e presente, generare legami positivi, lavorare per formare una nuova cittadinanza attiva, nuove forme di vita sociale.

Esposizioni e allestimenti, concerti, spettacoli, poesia, lettura, incontri culturali, conferenze, workshop.


Cammini d'Autore per Matera 2019

Presentazione di Cammini d’autore per Matera 2019

Nell’ambito del progetto Ka art. Per una cartografia corale della Basilicata

 

Progetto di Matera Capitale Europea della Cultura 2019

co-prodotto dall’Associazione ArtePollino

e Fondazione Matera-Basilicata 2019

Partner Fondazione Circolo dei lettori

 

Intervengono

gli scrittori Elvira Dones e Antonio Pascale

e Marco Cazzato, illustratore


Saluti istituzionali

Giulio Biino, presidente Fondazione Circolo dei lettori,

Paolo Verri, direttore generale Fondazione Matera-Basilicata 2019

Franco Fiore, vice presidente del Parco Nazionale del Pollino,

e Gaetano Lofrano, presidente associazione ArtePollino.

 

A seguire, degustazione di prodotti tipici lucani

 

Visioni del paesaggio, voci e ritratti umani. Mercoledì 6 febbraio, ore 18 al Circolo dei lettori, la presentazione di Cammini d’autore per Matera 2019, nell’ambito di Ka art. Per una cartografia corale della Basilicata, co-prodotto dall’associazione ArtePollino e Fondazione Matera-Basilicata 2019 in partnership con la Fondazione Circolo dei lettori. Un incontro per conoscere alcuni protagonisti del progetto e scoprire, attraverso i loro racconti, un territorio di incredibile valore naturalistico, custode di storie nascoste che meritano di essere conosciute.

Partecipano gli scrittori Elvira Dones e Antonio Pascale, e l’illustratore Marco Cazzato, saluti istituzionali di Giulio Biino, presidente della Fondazione Circolo dei lettori, Franco Fiore, vice presidente del Parco Nazionale del Pollino, Gaetano Lofrano, presidente associazione ArtePollino e Paolo Verri, direttore generale Fondazione Matera-Basilicata 2019. 

Cammini d’autore, frutto di una felice collaborazione, è pensato per favorire la valorizzazione del territorio del Parco nazionale del Pollino, vera perla naturalistica ricca di storia, attraverso le narrazioni che custodisce. Nasce infatti dall’idea di esplorare l’area naturale, di intrecciare voci e racconti, di raccogliere le testimonianze di chi lo abita, per una mappatura letteraria, scientifica e artistica dell’area protetta più estesa d’Italia. Protagonisti dei Cammini Elvira Dones, scrittrice cosmopolita di origini albanesi, Marco Cazzato, illustratore, Antonio Pascale, scrittore, Amedeo Balbi, astrofisico, e Enrico Brizzi, scrittore appassionato di montagna.

Ma che cosa sono i Cammini d’autore?

Si tratta di tre viaggi per raccontare il Pollino da altrettanti differenti punti di vista. Quello della scrittrice Elvira Dones e dell’illustratore Marco Cazzato, già avvenuto, è stata una ricognizione non solo naturalistica, ma soprattutto alla scoperta delle comunità che abitano il parco naturale. Quello di Antonio Pascale, scrittore, e Amedeo Balbi, astrofisico, solo immaginato e ancora da compiersi, è invece pensato al fine di realizzare la mappa stellare del Pollino. Il cammino aperto a tutti, tra maggio e giugno 2019, con lo scrittore Enrico Brizzi. Ogni progetto ha la sua restituzione pubblica, in una mostra e due reading a Matera e Latronico, in provincia di Potenza.

Elvira Dones e Marco Cazzato

Elvira Dones, di cui si ricorda il meraviglioso Vergine giurata (Feltrinelli), è la scrittrice di origine albanese che, insieme a Marco Cazzato, artista vincitore del Best Illustrations European Newspaper Award nel 2014, ha già preso parte a Cammini d’autore nell’ottobre del 2018, con un particolare percorso, intitolato Ritratti di Umanità. In coppia, i due autori hanno visitato i piccoli comuni del Parco per conoscere da vicino soprattutto le comunità Arbëreshe, per esplorare luoghi e volti sconosciuti, ma capaci di toccare la loro sensibilità e accendere la curiosità. Per Elvira Dones la scoperta della presenza di un’anima albanese nei paesi Arbëreshë del Pollino è stata una doppia emozione: «Leggere Matera, la Basilicata, il Parco del Pollino da scrittrice ritrovandosi a casa», ha commentato. Particolarmente significativo il suo incontro con alcune donne delle comunità di San Costantino Albanese, di Chiaromonte e di Latronico, che hanno accolto la coppia di autori nelle proprie case e nei luoghi di lavoro, per raccontarsi. Si è trattato di incontri molto intensi, dai quali sono emerse storie di persone che con determinazione e coraggio, hanno provato, e provano, a resistere e ad emanciparsi in mezzo alle difficoltà. Ritratti di Umanità diventerà una mostra di Marco Cazzato a Matera e un racconto orale a Matera e Latronico, tra 29 giugno e il 1° luglio. 

Antonio Pascale e Amedeo Balbi

Lo scrittore Antonio Pascale, in vista del suo viaggio in compagnia dell’astrofisico Amedeo Balbi, offre, durante la presentazione del progetto al Circolo dei lettori, un assaggio della propria riflessione sull’uomo e sulla natura, ma anche intorno alla necessità di guardare più in alto e mirare le stelle, almeno ogni tanto. Proprio il firmamento, infatti, e in particolar modo il cielo visto dal Pollino, sarà oggetto di studio da parte della coppia che infine racconterà le proprie scoperte in una conferenza spettacolo il 30 giugno.

Enrico Brizzi

L’esperienza con la quale i Cammini d’autore ricominciano nel 2019 è un’escursione in cinque tappe, Camminare è innamorarsi, dal Pollino a Matera, aperta a tutti i camminatori, guidata dallo scrittore Enrico Brizzi, dal 30 maggio al 2 giugno. Un’occasione per addentrarsi in un territorio superstite ai cambiamenti, nel quale si possono svolgere grandi confronti tra l’uomo e la natura, tra l’uomo e se stesso.

Inoltre, in occasione di Matera 2019, da Torino si parte in viaggio per la Basilicata, in occasione degli eventi della Capitale europea della cultura e per assistere alla restituzione del progetto coprodotto da Associazione ArtePollino e Fondazione Matera Basilicata 2019 in partenariato con la Fondazione Circolo dei lettori. Dal 28 giugno al 2 luglio, non solo nella città dei Sassi ma anche alla scoperta delle comunità del Pollino oggetto d’indagine di Cammini d’autore e per assistere ai due reading e alla mostra che chiudono l’esperienza.

Cammini d’autore per Matera 2019, nell’ambito del progetto Ka art. Per una cartografia corale della Basilicata è un progetto di Matera Capitale Europea della Cultura 2019, co-prodotto dall’associazione ArtePollino e Fondazione Matera-Basilicata 2019. Partner Fondazione Circolo dei lettori. Con il sostegno di Ministero per i beni e le attività culturali, FSC Fondo per lo Sviluppo e la Coesione, Regione Basilicata. Con il patrocinio di Comune di Matera. Main partner TIM. Gold Partner Intesa San Paolo.